Crea sito
Viaggio, libertà e cultura

Una vita “into the wild”? In Piemonte esiste un villaggio di case sugli alberi

into the wild1

Nel cavese, sui Monti Pelati, dodici italiani si sono creati la loro piccola “società” sopra gli alberi.

Probabilmente è il sogno di molti: una vita a contatto con la natura (“into the wild”), a 7 metri di altezza, in una piccola casa eco-sostenibile sopra un albero.

Lontano dal caos, dallo stress, dal consumismo e materialismo delle grandi città, dalla monotonia delle tradizioni e dai pregiudizi della gente: sembra impossibile, ma in Piemonte dodici persone ci sono riuscite. Si sono creati il loro piccolo angolo di paradiso, armati di legname, materiali riciclabili e tanta volontà.

Ma a differenza di quanto si possa pensare, questa “comunità” non ha scelto di evadere completamente dalla società, infatti gli abitanti sono  manager, farmacisti, biologi, infermieri, biologi e ogni giorno si spostano in città nei loro rispettivi posti di lavoro, per poi tornare a casa stare in totale serenità.

Non siamo figli dei fiori o delusi della società e tanto meno eremiti. Volevamo solo recuperare una vita che tutti noi sentivamo di perdere nelle nostre città”, spiega Dario, manager e direttore di un’ azienda che importa in Italia rum cubano. “ Qui noi non sopravviviamo, anzi qui noi riusciamo a vivere più intensamente”.

Il piccolo villaggio di case arboricole è in continua espansione, ed aperto a chiunque abbia il coraggio di fare questo grande passo e l’umiltà di rispettare l’ecosistema del bosco circostante. Tutti sono il benvenuto, e sono liberi di crearsi il proprio “nido” su questi forti castagni dei Monti Pelati.

into the wild2
La prima realizzazione di case risale al 2003, e a raccontare questa incredibile storia per la prima volta è stato il giornalista Antonio Gregolin, con un bellissimo reportage pubblicato su “XL di Repubblica”.

Lo scenario che ad oggi si è concretizzato, frutto di sogni e fatiche da parte degli abitanti, è veramente mozzafiato: un vero e proprio “quartiere” naturale, in cui i vari “concittadini” condividono un nuovo tipo di vita, oltre che i tipici momenti della giornata, come i pasti.

Un luogo, e una vita degna del noto Christopher McCandless, protagonista della vera storia narrata dal film “ Into the wild”.  Un ragazzo che, dopo essersi laureato, decide di spogliarsi di tutti i propri averi materiali per ricollegarsi alla natura e intraprendere un viaggio all’avventura alla volta dell’Alaska.

C’è chi, stanco di essere succube della tradizionale società, che ci plasma e ci costringe nella quotidiana monotonia, ne diventa talmente dipendente che, pur esausto, non può che accettarla; e c’è chi invece, riesce a crearsi una via di fuga, perché per quanto difficile da pensare, esistono tanti modi di vivere, sta a noi scegliere quale.

Comments

comments